News ed Eventi

[11.02.2020] - Contemporaneità, sperimentazioni e teatro di figura.

Relegati ai margini delle scene ufficiali, burattini e marionette custodiscono tradizioni e tecniche che in realtà hanno sempre dialogato con le altre arti performative, rivelando sempre nuove potenzialità espressive, ponendo fondamentali questioni teoriche e pratiche. Un confronto oggi imprescindibile per le ricerche teatrali più avanzate e per una ridefinizione dello stesso teatro di figura, che si presenta come uno dei campi più innovativi del teatro in generale.

Se ne discuterà in Biblioteca Comunale giovedì 13 febbraio 2020 alle ore 20.30. Ospiti della serata, che rientra nel programma della mostra dedicata al burattinaio di Castelfranco Bepe Pastrello (Di qua e di là dal mondo. Umani e non umani nei burattini di Bepe Pastrello) saranno Fernando Marchiori e Cristina Grazioli.

Il primo, scrittore e critico teatrale, ha pubblicato numerosi saggi all’incrocio fra arti performative e letteratura comparata, occupandosi in particolare della scena novecentesca, di teatro dell’America Latina, di multimedialità e di teatro di figura. È direttore artistico del festival Scene di paglia (Padova) e del Festival delle Valli del Natisone (Udine). Cristina Grazioli, curatrice della mostra di Castelfranco, è docente presso l'Università di Padova dove insegna Storia del teatro e dello spettacolo e Storia ed Estetica della Luce in scena. Curatrice della mostra Di qua e di là dal mondo, è membro del Comitato Scientifico dell'Institut International de la Marionnette di Charleville-Mézières.



Data ultimo aggiornamento: 11-02-2020