Comune

Commissione Pari Opportunità

La Commissione pari opportunità è composta oltre che dalle elette nel Consiglio Comunale, da rappresentanti (di cui almeno tre donne) dei vari settori della società, di accertata competenza e/o esperienza su proposta delle associazioni di categoria e del mondo della cooperazione e del volontariato.
La Commissione formula al Consiglio e alla Giunta Comunale proposte e osservazioni che hanno attinenza con la condizione femminile e le politiche di pari opportunità.
Componenti Commissione Pari Opportunità

Carica

Nome e Cognome

Descrizione

Presidente

Guidolin Stefania

Consigliera comunale

Componenti

Azzolin Maria Grazia
Bonato Giuliana
Carraro Sabrina
De Santi Erminia
Favarin Stefano
Fraccaro Chiara
Fraccaro Alice
Guidolin Stefania
Marcon Edda
Milani Tiziana
Murarotto Cristina
Mutta Ketty
Pamio Teresa
Pavin Mary
Peron Elisabetta
Soligo Moira

Consigliera comunale
Rappresentante della LIBERA UNIVERSITA' degli ANZIANI di Castelfranco Veneto
Rappresentante UNINDUSTRIA Treviso
Rappresentante ASCOM - Associazione Commercianti ed Esercenti Mandamento di Castelfranco Veneto
Rappresentante CONFARTIGIANATO
Consigliera comunale
Rappresentante del COORDINAMENTO del VOLONTARIATO della CASTELLANA
Consigliera comunale
Consigliera comunale
Consigliera comunale
Rappresentante delle PARROCCHIE
Rappresentante dei SINDACATI
Rappresentante Federazione COLDIRETTI
Consigliera comunale
Consigliera comunale
Consigliera comunale
 

RIFERIMENTI

Le Pari Opportunità un mondo grande e talvolta poco conosciuto, una conquista non definitivamente realizzata, ma sfida perenne al cambiamento.

Pari Opportunità significa riconoscere a tutte le persone, donne e uomini, pari dignità e pari diritti e realizzare il passaggio tra parità formale e uguaglianza sostanziale.

Le donne sono una risorsa fondamentale per lo sviluppo economico e il benessere sociale, ma oggi permane ancora una certa disparità tra uomini e donne. Per favorire l’affermazione delle donne nella vita politica, culturale ed economica bisogna fare di più; la partecipazione delle donne “in ruoli strategici nei processi decisionali pubblici e privati deve contribuire, oggi e in futuro, a rafforzare sviluppo e competitività, innovazione e creatività per garantire più elevati livelli di efficienza e di progresso al nostro paese”(Presidente Della Repubblica Giorgio Napolitano).

Da diversi anni  in Europa e in Italia è in corso un dibattito sulla necessità di adottare azioni positive affinché si possa raggiungere l’auspicata uguaglianza sostanziale.

Nel nostro paese, soprattutto grazie alla stessa Comunità Europea che sollecita gli stati membri a interventi mirati nelle diverse aree della vita sociale, economica e politica, si è sviluppata una discussione sulle possibili azioni per ridurre la disparità; tutti gli studi dimostrano che la partecipazione attiva delle donne è garanzia di crescita.

Alla luce delle suddette considerazioni, dopo una breve analisi di alcune delle parole chiave partendo dalla stessa definizione di pari opportunità, il richiamo ad alcune delle fonti comunitarie e fonti nazionali potrà essere un sicuro strumento di informazione. 

Link sito pari opportunità